Firenze a piedi: cosa vedere in un tour di Firenze senza mai prendere i mezzi
  • 5Minuti
  • 1159parole
  • 71visite

Firenze non smette mai di stupire i suoi visitatori. Una città ricca di storie che si dipanano nei secoli: ogni palazzo, piazza e chiesa ha un segreto da sussurrare a chi presta attenzione e ascolta. Le curiosità meno conosciute sono spesso quelle che detengono più allegria, ad esempio i nomi delle strade.
Prende il nome da vicende storiche, personaggi, famiglie aristocratiche (che vi hanno abitato e tuttora abitano), nonché arti e mestieri che un tempo si esercitavano nella zona: dietro ogni nome si cela storia, aneddoti e personaggi.

Non c’è modo migliore per scoprire una città se non a piedi. In questo tour di Firenze a piedi, ti suggeriamo un itinerario fuori dai sentieri battuti intorno al tema dell’amore .
Goditi una giornata romantica con i tuoi cari, o semplicemente vivi la città attraverso un’altra lente: permetti di farti rivelare il suo lato romantico, ma anche il più mondano e malizioso della città.

Ecco cosa vedere a Firenze a piedi!

firenze cosa visitare  cosa vedere a firenze in un giorno  centro storico di firenze

Tour a piedi di Firenze: la città dell’amore

Come descrive Boccaccio nel suo capolavoro Decameron amore e lussuria sono intrecciati nella società fiorentina” . Dal Medioevo fino al XX secolo, la prostituzione è stata una parte importante della vita quotidiana fiorentina.
Molte strade, piazze e vicoli rivelano questo passato nei loro nomi.

Inizia dal Mercato di San Lorenzo e dirigiti verso Via Faenza . Questa strada un tempo era il fulcro di molti bordelli fiorentini . Svoltate a sinistra in Via dell’Amorino che, come suggerisce il nome stesso era un altro luogo popolare per i bordelli.

In Via dell’Amorino si è svolto un presunto “triangolo amoroso” , ispiratore della celebre opera teatrale La mandragora di Machiavelli.

Adesso dirigiti verso Via del Giglio , prosegui verso Via del Moro fino a raggiungere Via delle Belle Donne. Si rivela il quartiere del piacere (o quartiere a luci rosse) che una volta ospitava questa strada.

In Via delle Belle Donne svolta a sinistra in Piazza degli Antinori . Questa piazza meno conosciuta ospita il rinomato Palazzo Antinori, di proprietà e intitolato ai Marchesi Antinori.

La nobile famiglia fiorentina è impegnata nell’arte della vinificazione da oltre sei secoli. Fermati alla Cantinetta Antinori per pranzo o degustazione di vini, oppure se hai fame e hai bisogno di un bicchiere di Chianti, vai da Procacci per il loro famoso panino al tartufo.

firenze cosa vedere  cosa visitare a firenze

Visitare Firenze a piedi: i salotti letterari

Uno dei bordelli più famosi e lussuosi d’Italia sorgeva all’angolo tra Piazza degli Antinori e Via de’ Giacomini, fino al 1958. Madame Saffo era così popolare tra l’élite che divenne un ‘salotto letterario’, frequentato regolarmente da scrittori italiani come Gadda , Bo e Premio Nobel per la Letteratura 1975, Montale.

Percorri Via de’ Tornabuoni , svolta a sinistra in Via degli Strozzi e proseguire verso Piazza della Repubblica . Questa famosa piazza era un tempo il centro dell’antica città romana. Durante il Medioevo e l’Età Moderna, qui si svolgeva il vecchio mercato centrale. Non sorprende che con i suoi vicoli bui e gli angoli nascosti, questa piazza fosse un luogo rinomato per la prostituzione.

Cose da vedere a Firenze centro: Via de’ Tornabuoni

Nonostante Piazza della Repubblica sia stata completamente rinnovata alla fine dell’Ottocento, sull’imponente arco campeggia una pomposa iscrizione : “L’ANTICO CENTRO DELLA CITTÀ/ DA SECOLARE SQUALLORE / A VITA NUOVA RESTITUITO”: ironia della sorte, nella stessa piazza scopriamo un altro salotto culturale, frequentato dagli stessi clienti di Madame Saffo, il Caffè Giubbe Rosse era il luogo di ritrovo di molti intellettuali fiorentini.

La prossima tappa è Via Dante Alighieri e Chiesa di Santa Margherita de’ Cerchi. Sembra che il grande Dante Alighieri abbia incontrato l’amore della sua vita e musa, Beatrice, proprio in questa chiesa.

Prosegui in Via del Proconsolo , in Via dei Leoni e svolta a sinistra in Via del Corno . Questa strada fa da scenario al capolavoro del neorealismo italiano , Cronache di poveri amanti di Pratolini. Uno dei protagonisti di questa storia è un avido proprietario di un bordello chiamato “La Signora”. Incarna il potere brutale e ricorda anche al lettore che l’area dietro Palazzo Vecchio era una volta la principale destinazione sessuale per i politici della Signoria di Firenze.

Esplora i vicoli di questa zona, ognuno ha la sua fama. Ad esempio, Via del Parlascio , un tempo conosciuta come Via delle Serve Smarrite, era ancora un’altra zona rinomata per i bordelli. Serve Smarrite si traduce in servo smarrito, riferendosi alle donne innocenti che si sono trasferite nella grande città per trovare lavoro, ma sono finite nelle mani sbagliate.

Dopo tanto girovagare a piedi, una pallina di gelato non guasta mai.

Attraversa l’Arno dallo storico Ponte Vecchio, e camminare verso Piazza della Passera . Qui troverai una delle migliori gelaterie di tutta Firenze , la Gelateria Della Passera : il loro gelato utilizza solo prodotti freschi di stagione e offre opzioni senza glutine e senza lattosio.

Concediti i loro gusti classici tra cui caffè e pistacchio, così come i loro gusti sperimentali, crema ai sette profumi (crema ai sette gusti) e cacao amaro con scorza di arancia.

Leggi anche: Muoversi a Firenze: come spostarsi in città

Posti da visitare a Firenze a piedi

Prosegui per Via dei Vellutini e proseguire verso Via Maggio . Tieni d’occhio il n. 26, un palazzo con una splendida facciata. Questa struttura fu costruita da Francesco I de’ Medici, figlio di Cosimo I, per la sua amante Bianca Cappello da cui prende il nome questo edificio.
Furono costruiti tunnel sotterranei segreti — collegando Palazzo Bianca Cappello con Palazzo Pitti, il palazzo de’ Medici — in modo che gli innamorati potessero incontrarsi in segreto!

Alla fine di Via Maggio, in Piazza San Felice , si trova un altro nido d’amore: Casa Guidi, la casa dove vissero i poeti inglesi Robert Browning ed Elizabeth Browning. Fuggirono dal padre di Elisabetta per vivere la loro storia d’amore, e fu qui che Elisabetta scrisse la sua raccolta di poesie, Casa Guidi Windows.

Adesso su Via de’ Guicciardini e Via de’ Bardi , dove ha avuto luogo una versione fiorentina di Romeo e Giulietta. Ippolito Buondelmonti e Dianora de’ Bardi si sono conosciuti e subito innamorati durante la festa fiorentina di San Giovanni. Le loro due famiglie erano nemiche e non c’era possibilità di una relazione legittima. I due, aiutati dalla madre di Ippolito, progettarono di sposarsi segretamente e fuggire.

La notte della loro fuga, Ippolito fu catturato dalle guardie mentre si dirigeva a Palazzo de’ Bardi (oggi Palazzo Tempi). Dianora, che lo aveva atteso con impazienza, temeva che avesse cambiato idea.

Per salvare la reputazione di Dianora, Ippolito confessò di essere stato lì per derubare la famiglia nemica, e fu condannato a morte.
Il suo ultimo desiderio era che il suo corteo funebre potesse svolgersi in via de’ Bardi, nella speranza di rivedere Dianora un’ultima volta. Quando Dianora riconobbe il suo amore in catene e si rese conto dell’accaduto, corse verso di lui in lacrime, confessandogli il suo amore davanti a tutti.
Mossa da sentimenti così nobili, la Signoria fiorentina impose il suo potere alle due famiglie e diede la sua benedizione all’unione dei due giovani amanti.

firenze cose da vedere  posti da visitare a firenze  cose da visitare a firenze  da vedere a firenze  itinerario firenze  cosa vedere a firenze in 2 gg  mappa firenze centro  cosa vedere firenze  visitare firenze in un giorno  firenze centro storico  firenze visitare

Leggi anche: Muoversi a Firenze con una disabilità: FIRENZE ACCESSIBILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.