Tutti i Palazzi Storici di Firenze: la nostra Toplist

Tutti i Palazzi Storici di Firenze: la nostra Toplist
  • 9Minuti
  • 1959parole
  • 71visite

L’architettura dei Palazzi storici di Firenze riflette chiaramente lo sviluppo storico della città. Durante il periodo di autogoverno comunale nel 13 ° e 14 ° secolo, gli edifici pubblici, come il Palazzo del Capitano del Popolo (noto come il Bargello oggi) e il Palazzo dei Priori (noto come Palazzo Vecchio oggi) hanno stabilito un importante precedente per i costruttori di palazzi delle ricche famiglie patrizie.

Ma poiché il potere politico era sempre più concentrato nelle mani di sempre meno famiglie alla fine del 14 ° secolo, l’importanza degli edifici municipali diminuì. Le famiglie più importanti si sfidarono costruendo palazzi magnifici e architettonicamente innovativi, come Palazzo Strozzi e Palazzo Rucellai per dimostrare visibilmente il loro status sociale.

Quando la famiglia Medici ottenne finalmente il controllo di Firenze nel 1532 dopo una lunga lotta, questo cambiamento politico si rifletté ancora una volta nell’aspetto della città.
Nel 1549, il duca Cosimo I de’ Medici trasferì la sua casa dall’ex Palazzo dei Priori a Palazzo Pitti sull’altra sponda del fiume Arno.
Nel corso dei secoli successivi, il palazzo fu ampliato per creare una residenza ostentata per i regnanti e servì come residenza dei Granduchi di Toscana e, tra il 1865 e il 1871, del primo re dell’Italia unita.

Ovviamente i Palazzi sono molto di più di quest’elenco. Noi per questioni di tempistiche e spazio ne abbiamo citati solo 10.
Se vi va scrivete nei commenti quelli che mancano o che vi hanno colpito di più.

Tutti i Palazzi Storici di Firenze: la nostra Toplist

10. Palazzo Medici Riccardi

Il Palazzo Medici Riccardi si trova in Via Cavour, 1 (ex Via Larga) vicino alla Chiesa di San Lorenzo. Non è solo uno dei principali palazzi di Firenze, ma rappresenta il paradigma dell’armonia raggiunta attraverso l’assemblaggio dell’architettura del primo Rinascimento e di quella tardo barocca.

La sua costruzione fu portata avanti tra il 1444 e il 1460 circa dai piani progettati dall’architetto e scultore fiorentino Michelozzo Michellozi (1396-1472) che fu l’architetto di fiducia di Cosimo de Medici il Vecchio, nonché di altri membri di spicco della famiglia Medici della sua epoca.

Il superbo edificio creato da Michelozzo denotava l’archetipo di inizio dei principali palazzi rinascimentali di Firenze, dove ogni piano era visibilmente definito e un grande cornicione stava sormontando il bordo del tetto.
Le dure colonne doriche e le arcate del cortile, con i suoi rispettivi ingressi asimmetrici, situate all’angolo del piano terra sono state costruite dal prototipo del cortile del palazzo creato dal suo illustre maestro, Filippo Brunelleschi, nel 15 ° secolo.
Da allora e per più di un secolo i palazzi delle più alte famiglie fiorentine furono per la maggior parte progettati nello stile di Palazzo Medici Riccardi.

9. Palazzo Strozzi

La Via de’ Tornabuoni è stata teatro di rievocazioni e processioni verso la cattedrale e il battistero fin dal Medioevo.
Nel 15 ° e 16 ° secolo, influenti famiglie patrizie come gli Strozzi, Tornabuoni e Viviani costruirono qui i loro palazzi storici Firenze.
Dalla massiccia muratura in pietra del Palazzo Strozzi, fu il primo palazzo del Quattrocento ad avere tre lati frontali completi.

Il Palazzo fu iniziato nel 1489 da Benedetto da Maiano, per Filippo Strozzi il Vecchio, un rivale dei Medici che era tornato in città nel novembre 1466 e desiderava il palazzo più magnifico per affermare la continua importanza della sua famiglia e, forse più importante, una dichiarazione politica del proprio status. Un gran numero di altri edifici sono stati acquisiti durante gli anni ’70 e demoliti per fornire spazio sufficiente per la nuova costruzione. 

Filippo Strozzi morì nel 1491, molto prima del completamento della costruzione nel 1538. Il duca Cosimo I de’ Medici lo confiscò nello stesso anno, restituendolo alla famiglia Strozzi solo trent’anni dopo.

8. Palazzo Pucci

Palazzo Pucci si trova in Via dei Pucci, 6, vicino a Via Cavour che conduce a Piazza di San Marco.

Il progetto del magnifico palazzo fu commissionato dalla famiglia Pucci, nella seconda metà del 16 ° secolo, al celebre architetto e scultore manierista toscano Bartolommeo Ammanatti (1511-1592).
Come scultore, il suo stile è molto influenzato dall’arte del geniale Michelangelo.

Nel corso dei secoli, Palazzo Pucci è stato più volte restaurato, ma il suo corpo centrale conserva ancora lo splendido savoir faire architettonico di Bartolommeo Ammanati: l’originale pavimentazione in pietra al piano terra, la stupefacente e grande finestra centrale, lo stemma di famiglia con il cappello cardinalizio e le grandi maschere sul timpano aperto spezzato delle finestre situate al secondo piano. Dall’ingresso principale, attraverso un’antica recinzione in ferro ornata da ornamenti, si accede al grazioso cortile che, oltre al piano terra, è attualmente visitabile.

La famiglia Pucci, di antica stirpe toscana, conobbe diversi secoli di potere e notorietà soprattutto grazie alle sue attività bancarie e commerciali e anche alla vicinanza al governo toscano.

7.Palazzo del Bargello o Palazzo del Popolo

Il Bargello, noto anche come Palazzo del Bargello o Palazzo del Popolo, è una ex caserma e prigione, ora un museo d’arte.
La parola “bargello” sembra derivare dal tardo latino bargillus (dal goto bargi e dal tedesco burg), che significa “castello” o “torre fortificata“. Durante il Medioevo italiano era il nome dato ad un capitano militare incaricato di mantenere la pace e la giustizia durante sommosse e tumulti. A Firenze era solito ingaggiato da una città straniera per evitare qualsiasi apparenza di favoritismo.

Il Bargello fu costruito per ospitare prima il Capitano del Popolo e poi, nel 1261, il podestà, il più alto magistrato del Comune di Firenze; nel 1574 i Medici rinunciarono alla funzione di Podestà e ospitarono il bargello, il capo della polizia di Firenze.

Come già detto, era impiegato come prigione; le esecuzioni avvennero nel cortile del Bargello fino alla loro abolizione da parte del Granduca Pietro Leopoldo nel 1780, ma rimase sede della polizia fiorentina fino al 1859. 

Il Bargello aprì come museo nazionale – Museo Nazionale del Bargello – nel 1865, esponendo la più grande collezione italiana di sculture gotiche e rinascimentali (14-17 ° secolo).
Il museo ospita capolavori di Michelangelo, come il suo Bacco, il Tondo di Pitti (o Madonna col Bambino), Bruto e David-Apollo.

palazzi storici firenze
edificio firenze

6. Palazzo Rucellai

Il design elegante e originale del potente palazzo della famiglia Rucellai (costruito tra il 1446-1451) ha stabilito un punto di riferimento per l’architettura residenziale del Rinascimento, distinguendolo dai palazzi storici Firenze simili a fortezze, che erano stati precedentemente costruiti a Firenze.
Con gli studi dell‘architetto Leon Battista Alberti (1404-1472) sull’architettura romana ben visibili nei suoi progetti del palazzo Rucellai (molti paragonano i suoi ripetuti ordini classici e archi al Colosseo), il piano terra ha invece un ordine toscano definito.

Utilizzato per gli affari, il piano terra ha una caratteristica tipica per i clienti e i visitatori del palazzo: panchine in pietra lungo l’esterno che ancora oggi fungono da luogo di riposo per visitatori e passanti. Il piano nobile, o piano principale, era la reception formale e il terzo piano era per la zona notte della famiglia. Un ultimo piano, nascosto sotto il tetto come una soffitta, era per la servitù.

Il piano nobile è ora sede dell‘Istituto Palazzo Rucellai, un programma americano di studio all’estero, anche se i discendenti della famiglia Rucellai continuano ancora ad occupare porzioni del leggendario edificio.

Giovanni Rucellai scrisse che sperava che i Rucellai vivessero sempre nella sua casa. Per quanto ne so, la famiglia ne è ancora responsabile. L’edificio ospita un archivio e un programma di studio all’estero.

La Loggia Rucellai è nota soprattutto per il fregio di vele fluttuanti lungo la sommità degli archi. Fino al 1667 fu utilizzato dalla famiglia per riunioni e cerimonie familiari private, spesso inglobando anche la piazzetta antistante. Il palazzo, la loggia e la piazza in mezzo formano una delle composizioni più eleganti dell’architettura rinascimentale della città.

5. Palazzo Spini Feroni

Palazzo Spini Ferroniè un edificio situato in piazza Santa Trinita, a Firenze, il più grande palazzo medievale privato della città.

Il palazzo fu costruito a partire dal 1289 per il ricco mercante di stoffe e banchiere Geri Spini, sulle terre che aveva acquistato dai monaci di Santa Trinita dopo l’alluvione dell’Arno del 1288.
All’epoca era il più grande palazzo di proprietà privata di Firenze, in concorrenza con la sede del governo, Palazzo Vecchio, che era in costruzione nello stesso periodo. Gli architetti a cui è stato attribuito il progetto includono Arnolfo di Cambio o il padre di Arnolfo, Lapo Tedesco. 

Dopo un periodo come albergo, nel 1846 il comune di Firenze lo acquistò, e fu successivamente utilizzato per uffici durante il periodo in cui Firenze era capitale d’Italia (1865-1871). Nel 1874 fu in parte ristrutturato in stile neomedievale; al piano terra furono aperte delle vetrine dei negozi e furono demoliti una torre e un arco di fronte al fiume Arno, dandogli l’aspetto che ha oggi. Nel 1930 fu acquistato da Salvatore Ferragamo.

Dal 1995 il secondo piano ospita il museo fondato dal designer di scarpe Salvatore Ferragamo.

4.Palazzo Gondi

Palazzo Gondi è un palazzo di Firenze, situato a un isolato da Piazza della Signoria. Fu costruito da Giuliano da Sangallo nel 1490 sulla base di altre importanti opere di edifici signorili della città, come Palazzo Medici e Palazzo Strozzi.

L’elemento più innovativo è il design delle finestre, il profilo di pietre disposte in un motivo radiale, che ricorda le sfaccettature di una pietra preziosa. Le finestre del secondo piano erano leggermente più larghe delle altre, per compensare lo scorcio ottico.

L’edificio ebbe una genesi molto lenta e rimase incompleto per diversi secoli. Alla fine del XVII secolo Antonio Maria Ferri lavorò all’architettura e Matteo Bonechi ai dipinti. L’edificio era affiancato da un’antica casa di famiglia appartenente alla famiglia Asini, demolita intorno al 1870 per allargare la strada che costeggia Palazzo Vecchio.
In quell’occasione l’edificio fu ampliato anche con la creazione della terza porta (quella di sinistra) e la costruzione di una nuova “fetta” dell’edificio che aumentò il numero di finestre sulla facciata, creando una prospettiva simile su via de’ Gondi.

3.Palazzo Antinori

Fu costruito nel 1461-1469 su progetto di Giuliano da Maiano. Fu costruito dalla ricca famiglia Boni dopo essere stato ceduto ai Martelli da Niccolò di Tommaso Antinori nel 1506.

La facciata presenta poche decorazioni e linee semplici e nette, che rappresentano la caratteristica patria dove i fiorentini fecero fortuna con i commerci ed ebbero un solido prestigio sociale. I vari membri della famiglia Antinori si sono sempre distinti tra doveri pubblici e virtù private.

I loro nomi sono associati alle storiche aziende produttrici dei celebri vini, il cui logo sono ancora oggi le vetrine nei vicoli del Trebbio dove si vendevano le bottiglie, come si evince dalla scritta “Wine” sulla cornice (Piazza Antinori, 3).

2. Palazzo Guicciardini

Il Palazzo Guicciardini sulla via che porta il loro nome, è il risultato di più edifici costruiti in epoche diverse.

Dalle antiche torri dei Malefici e dei Guicciardini alla residenza dei Benizzi acquistata nel 1515. Qui, in un’epoca in cui la facciata non era ancora architettonicamente unificata, nacque nel 1483 lo storico Francesco Guicciardini, e i membri della famiglia furono protagonisti lungo i secoli della vita fiorentina.

Il restauro principale dell’edificio fu eseguito tra il 1620 e il 1625 da Gherardo Silvani, che riuscì a dare a casa Guicciardini l’aspetto di un edificio monolitico. All’interno decorazioni in stucco di Pasquale Poccianti e dipinti di Luigi Sabatelli (1800-1804).

1.Palazzo Ginori

Già nel XV secolo la famiglia Ginori possedeva molte case nel Borgo di San Lorenzo, nei pressi della chiesa dei Medici, il cui palazzo fu edificato tra il 1416 e il 1420 circa, pare su progetto di Baccio D. ‘Agnolo.

All’interno, l’edificio circonda un cortile cinquecentesco con portici su tutti i lati. Alla fine del Seicento, per adeguarsi alle esigenze dei tempi e della famiglia, furono eseguiti alcuni lavori di ampliamento dell’edificio, i lavori esterni furono affidati all’architetto Lorenzo Merlini, e furono affidati i lavori di decorazione interna ad Antonio Ferri.

Nella prima metà del Settecento l’edificio fu ulteriormente ampliato e tutti i mobili furono aggiornati. Fu Carlo Ginori a fondare le prime aziende di porcellane prodotte nello storico stabilimento di docce, e uno dei suoi eponimi discendenti fu il primo a possedere e guidare un’auto per le strade di Firenze.

Leggi anche: Dove andare a Gennaio in Toscana 2023: cosa visitare, feste e sagre

palazzi storici firenze
palazzi firenze	110	n/a	
39
palazzi di firenze	90	€ 0,05	
44
palazzo a firenze	70	€ 1,07	
48
palazzo di firenze	50	n/a	
62
firenze palazzo	50	n/a	
43
palazzi rinascimentali firenze	40	n/a	
23
palazzi famosi	30	n/a	
57
firenze palazzi	20	n/a	
44
palazzi a firenze	20	n/a	
45
palazzi signorili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *