Toscana-Umbria: i posti più belli da vedere al confine
  • 3Minuti
  • 739parole
  • 415visite

Con lo spuntare dei primi soli (e dei primi caldi) solitamente nasce subito in noi una voglia irrefrenabile di viaggiare, che spesso si traduce nella volontà di scappare dalla frenesia della città.
Se stai pensando di immergerti nel verde e in magici paesaggi non puoi non considerare il confine tra Toscana e Umbria: ricco di borghi e scorci panoramici invidiabili, il confine si presenta come una meta per chi cerca il relax e vuole immergersi nella cultura.
Ecco quindi una guida sui posti più belli da vedere (e da visitare assolutamente!) al confine tra Toscana e Umbria.

Toscana Umbria Itinerari: 5 posti da non perdere

Chiusi

Chiusi è una delle città di origini etrusche più antiche. Nel VI secolo a.C. divenne una delle principali città della dodecapoli etrusca.
Posta in una zona dal terreno fertile, Chiusi prosperò diventando una delle città più in voga della sua epoca e arricchendosi di conseguenza. Se sei un appassionato di storia Etrusca non puoi non fare una tappa qui!

La città che troviamo oggi è un incantevole mix di stili: etrusco, romano e longobardo. Una cittadina affascinante e ricca di luoghi di interesse, capace di travolgerti con una semplice passeggiata tra le vie del centro storico, dove puoi scovare ancora tracce di quell’insediamento di matrice etrusca, dei primi popoli che si stanziarono qui in zona.

Da visitare assolutamente il Duomo, le Catacombe e le tombe etrusche che si trovano nelle colline circostanti.
Tappe imperdibili sono inoltre il Museo Nazionale Etrusco e la Cattedrale di San Secondiano.
C’è anche una Chiusi sotterranea dove troverete cunicoli scavati nel tufo, molto suggestivi da visitare: queste gallerie sotterranee, usate originariamente come riserve d’acqua e acquedotti, si possono in parte ammirare con delle guide mentre una parte resta ancora da scoprire.

tour toscana umbria  umbria e toscana  itinerari toscana umbria  borghi da vedere in umbria e toscana  sette giorni in umbria per i borghi  giro in moto tra le città d'arte della toscana

Leggi anche: Via Francigena Toscana: tappe, dove dormire, consigli, libri

San Casciano dei Bagni

San Casciano dei Bagni è un piccolo borgo tipico della Toscana, famoso in tutto il mondo per le sue acque termali, da sempre parte della sua storia.
Potete trascorrere un’intera giornata ad osservare il paesaggio della Val d’Orcia ed ammirarne i suoi colori al tramonto.
Non a caso viene definito il borgo più incantevole della Val D’Orcia!

Cetona

Annoverato tra i borghi più belli d’Italia, Cetona è ricco di storie ed è capace di stupire con i suoi numerosi percorsi e monumenti artistici. Si trova a pochi passi da San Casciano dei Bagni, per cui se siete nei paraggi potreste ammirare ben due meraviglie del confine tra Toscana e Umbria.
Assolutamente da visitare il centro storico, per respirare il fascino della bella Italia di un tempo.

Panicale

Panicale è un borgo medievale che si trova in cima ad una collina a 441 m sopra il livello del mare. Il borgo regala bellissimi scorci sul Lago Trasimeno. Non solo! Panicale è unico nel suo genere!

Avendo mantenuto la sua struttura originale riesce a trasportarci nel tempo fino al Medioevo. Oggi infatti è uno dei pochi paesi che a tutti gli effetti ha conservato tutte e caratteristiche strutturali e architettoniche di un tempo. Da non perdere il Palazzo del Podestà, risalente al XIII – XIV secolo e ubicato in Piazza Masolino.
Tra le chiese, quella da vedere è la Chiesa di San Sebastiano, risalente al XIV secolo. Al suo interno si può ammirare il Martirio di san Sebastiano (1505) del Perugino, opera che occupa un’intera parete dell’edificio.

toscana umbria  toscana umbria marche  toscana umbria mappa  
cosa visitare in toscana in 3 giorni  
umbria in 5 giorni 
laghi in toscana da visitare  umbria toscana  toscana e umbria

Città della Pieve

Città della Pieve è un borgo umbro al confine con la Toscana con circa 7000 abitanti. Ha alle spalle una lunga storia medievale, è città dello zafferano ed è la patria di Perugino, artista che visse in piena epoca rinascimentale e fu maestro di Raffaello di cui il borgo conserva ancora oggi alcuni fra i migliori capolavori.
La bellezza di questo borgo non è data soltanto da monumenti e opere d’arte, ma anche dalla conformazione urbana e paesaggistica del luogo stesso.

Città della Pieve nasce quasi integralmente con il ricorso al laterizio: mentre percorrerete le vie noterete i suggestivi “mattoni rossi” che caratterizzano tutto il percorso.

Tra le vie da vedere e scoprire vi sono sicuramente via Baciadonne – una strada molto stretta in cui due persone non riescono a passare – via del Fango, via Verri e via delle Case Basse.
Durante la vostra passeggiata potrete notare per le strade i vessilli e i simboli che dividono i quartieri del paese come in epoca antica. Si tratta di una sana rivalità tra “vicini di casa” che vivacizza il paese e lo rende più colorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.