La piccola Venezia Toscana: dov’è? Storia e come nasce

La piccola Venezia Toscana: dov'è? Storia e come nasce
  • 4Minuti
  • 814parole
  • 3327visite

Livorno è una città cosmopolita sul mare e non è strano che sia anche chiamata, per un certo posto in particolare, La Piccola Venezia toscana!

La città toscana ai margini dell’accattivante Mar Ligure, che confina con le più ampie distese del Mediterraneo a ovest, è stata fondata nel 1017, quindi ha una lunga storia, anche se ha dovuto attendere il Rinascimento quando è diventata un porto significativo e centro di ricchezza e cultura.
Molti greci si stabilirono a Livorno da questo momento in poi, così come ebrei, armeni e coloni olandesi – erano mercanti che commerciavano grano, tessuti e altre materie prime, e lasciarono prove della loro influenza nella cucina, nella lingua e nella religione della regione.

Oggi Livorno conserva un fascino tradizionale, attirando viaggiatori da ogni parte del mondo con i suoi edifici storici e l’ambiente tranquillo.

Una visita a Livorno è d’obbligo: la devi inserire nella lista de tuoi luoghi da vedere in Italia, se non ci sei ancora mai stato, oppure nei piani per un weekend in Toscana; non solo d’estate, Livorno è da vedere tutto l’anno!
Dopotutto a Venezia andresti in qualsiasi periodo dell’anno, beh Livorno, si sa poco, ma ha qualcosa in comunque con la bellissima città veneta.

Si chiama proprio Quartiere la Venezia di Livorno: ecco perché.

La piccola Venezia Toscana: dov’è?

Storia e come nasce

Non puoi visitare Livorno senza visitare il bellissimo quartiere La Venezia. Questa è la “risposta” della città a Venezia, con i suoi incantevoli corsi d’acqua, ponti e piazze.

Fai una passeggiata attraverso la Livorno del 17 ° e 18 ° secolo passando da qui: durante il giorno la zona è perfetta per una tranquilla passeggiata, esplorando negozi ed edifici storici, mentre di notte i numerosi bar e ristoranti creano un ambiente vivace.

Assicurati di visitare il Teatro San Marco, l’enorme Piazza della Repubblica e la Chiesa dei Domenicani, una chiesa domenicana con uno splendido tetto a cupola.

«Le case altissime, dalle facciate tinte di un intonaco biondo, dove il rosa e il verde si confondono, splendono al sole con riflessi d’oro e di verderame, come l’acqua dei canali sparsa di chiazze d’olio.

Le persiane hanno il colore delle foglie secche, son pallide e polverose. Un senso di nobiltà un po’ stanca, di libertà popolaresca, è nell’architettura aperta e liscia di queste case, le più belle del Mediterraneo

Da “Maledetti toscani“, di
la piccola venezia
foto presa da livornotour.com

Dall’alba al tramonto, il canale attraversa una zona bellissima, piena di vita: il canale ei suoi ponticelli, i caratteristici vicoli e le suggestive nuove fortezze sullo sfondo, evocano l’incantevole atmosfera della città lagunare veneta.

L’area è attraversata dal famoso Canale dei Navicelli, scavato tra il 1563 e il 1575 per collegare Pisa con il porto di Livorno, dall’architetto senese Giovanni Battista Santi. Progettato per creare un importante nucleo commerciale, comprendente magazzini e porti abitativi alle retrovie.

L’esistenza di numerosi canali e l’applicazione della tecnologia utilizzata dalla Serenissima per creare le fondamenta sull’acqua – tanto da impiegare maestranze veneziane – fece sì che i livornesi definirono l’area come la Nuova Venezia.

la piccola venezia
foto presa da ingiroperlitalia.com

Cosa fare inoltre a Livorno

Autentica cucina

Qualsiasi viaggio a Livorno sarebbe incompleto senza assaggiare alcune delle delizie culinarie della provincia.
Il mercato centrale al confine con il Quartiere La Venezia, è il luogo ideale per sperimentare un po’ del trambusto e della cultura della città e trovare pesce fresco e carne.
I frutti di mare sono l’attrazione principale, ma sono disponibili anche offerte di carne come cinghiale e faraona, così come il galletto livornese e il pollo locale.

La cucina livornese è onesta e con i piedi per terra. Il cacciucco è il piatto tipico della città, un ricco stufato di pesce e pomodoro utilizzando diversi tipi di pesce e crostacei.
Attenzione anche al riso nero, risotto al nero di seppia, e alle triglie alla mosaico, triglie al pomodoro.

I luoghi ideali per gustare deliziosi piatti autentici includono Osteria del Mare, Gran Duca e Foresta.

la piccola venezia	260	n/a	
58
la piccola venezia chioggia	40	€ 0,43	
38
la piccola venezia veneto
piccolo venezia 
q
foto presa da tuscanypeople.com

Immergiti nei panorami

Immergiti nelle attrazioni migliori di Livorno, che si sa ha una ricchezza di attrazioni
per tenerti occupato…ma quando si tratta di panorami e tramonti è imbattibile.

Il Quattro Mori, o Monumento ai Quattro Mori, è una famosa statua del 17 ° secolo fusa in bronzo e marmo che celebra la vittoria della città sui pirati nel Mediterraneo. È possibile esplorare ulteriormente il patrimonio culturale attraverso la ricca collezione di opere d’arte del Museo Civico Giovanni Fattori.

Livorno ha molti ottimi percorsi per fare la tua passeggiata, una passeggiata serale tradizionalmente fatta tra le 17 e le 20 circa. Una delle zone più popolari è la Terrazza Mascagni, una suggestiva terrazza a scacchiera che è anche convenientemente vicino all’Osteria del Mare.

In alternativa, dirigiti verso Porto di Livorno, il porto della città, per respirare l’aria fresca del mare. Il porto è nato come base militare romana e il faro, Torre del Marzocco, merita di essere visto più da vicino, con la sua forma ottagonale e il tetto rosso.

2 thoughts on “La piccola Venezia Toscana: dov’è? Storia e come nasce

  1. Buonasera,

    la torre del Marzocco non c’entra niente con il faro di Livorno (che per inciso si chiama il Fanale) e che si dice sia stato realizzato su disegno di Michelangelo.

    Inoltre si trova all’interno della cinta portuale e quindi non è accessibile ai turisti.

    Il monumento ai 4 morì inoltre celebra la dinastia dei Medici ed in particolare Ferdinando, secondo figlio di Cosimo I dei Medici e le vittorie sui turchi dell’ordine dei cavalieri di Santo Stefano.
    Non si tratta quindi delle vittorie della città ma appunto dei Medici signori di Firenze e granduchi di Toscana.

    Magari prima di scrivere, meglio approfondire…

    Saluti

    Alberto Naldini

    1. Gent.mo Alberto,

      il nostro articolo è frutto di una ricerca sul web, quindi le informazioni che abbiamo dato sono riportate identiche anche su altri blog e siti. Ma ovviamente ci teniamo ai nostri lettori, controlleremo i dati e i fatti scritti ed eventualmente aggiorneremo la pagina.
      Grazie mille per le informazioni che ci hai dato.

      A presto,

      Sonia, caporedattrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *