Impruneta: cosa fare, cosa vedere e quando visitarla

Impruneta: cosa fare, cosa vedere e quando visitarla
  • 5Minuti
  • 1155parole
  • 44visite

Questo piccolo borgo con un’enorme piazza principale, si trova nel punto in cui le colline del Chianti iniziano il loro dolce rimescolamento verso il fiume Arno e Firenze.
A rigor di termini, non fa parte della strada del Chianti – la “Chiantigiana”, o SS222 – che corre a pochi chilometri a est. Eppure l’ Impruneta è spesso la prima tappa di un itinerario del Chianti per chiunque si diriga a sud da Firenze in bicicletta, autobus o auto.

Una posizione strategica lo mise sulla strada della marcia verso nord degli Alleati nel 1944, quando Impruneta subì danni significativi. È stato ricostruito un miscuglio architettonico, un mix di fedeli ri-creazioni storiche intervallate da aggiunte moderne.

Impruneta: cosa fare, cosa vedere

Un po’ di storia

Le origini di Impruneta sono avvolte nella leggenda. Vari insediamenti occuparono l’area almeno dall’epoca etrusca, ma la posizione attuale risale al Medioevo. Il sito è stato scelto, così dice la storia, dove due buoi che lavoravano i campi caddero bruscamente in ginocchio. Scavando dove si inginocchiarono, un contadino scoprì un dipinto della Vergine Maria dello stesso San Luca (patrono dei pittori). Il luogo è stato scelto per la chiesa di Impruneta.

Questa miracolosa reliquia mariana fu fonte di molta ricchezza nei secoli successivi. Pellegrini da tutta Italia (e dall’Europa) venivano a pregarlo, e illustri visitatori lasciavano preziose offerte nella chiesa di Impruneta.

La storia medievale successiva si intreccia con la famiglia Buondelmonti, potenti fiorentini che erano già “vecchi soldi” dal 1100. I Buondelmonti furono protagonisti del prolungato e sanguinoso scisma guelfo-ghibellino di Firenze, durante il quale clan in guerra in tutta l’Italia centrale si affrontarono a sostegno del Papa (guelfi) o dell’imperatore del Sacro Romano Impero (ghibellino).

La storia narra che un giovane buondelmonti beau – nome, Buondelmonte – scosse la sua fidanzata Amidei in favore della nobile figlia di una famiglia rivale. Il giorno di Pasqua del 1216, mentre si stava sposando, la famiglia Amidei lo fece uccidere mentre attraversava il Ponte Vecchio, scatenando uno spargimento di sangue che durò un secolo.

Cosa visitare nell’ Impruneta

Il fulcro dell’Impruneta è una vasta piazza principale, Piazza Buondelmonti. Questo grande spazio asimmetrico (con un sacco di parcheggio) era dimensionato per adattarsi a una città molto più grande o anche a una piccola città.

Il suo gioiello è la chiesa, un importante santuario mariano che ha attirato tanti pellegrini nel corso dei secoli: la Basilica di Santa Maria all’ Impruneta. Il sito esatto è stato utilizzato per devozione fin dall’epoca etrusca, con ogni probabilità, ma la basilica fu consacrata per la prima volta come pieve, chiesa parrocchiale, nel 1060 (la cripta e il campanile risalgono a questo periodo). Fu alterato e abbellito sia in stile rinascimentale che barocco successivo da importanti architetti, tra cui Michelozzo.

Gran parte di ciò che c’è è una ricostruzione della chiesa rinascimentale dopo che l’originale fu distrutta dai bombardamenti nel luglio 1944.

All’interno ci sono diverse opere d’arte, tra cui il pittore manierista Cristofano Allori, Matteo Rosselli, Empoli e Della Robbia (Luca e Andrea) dipinte ceramiche.

Per secoli, il Tesoro della basilica (ora un mini-museo) è stato riempito dalle offerte dei pellegrini all’immagine miracolosa della Vergine di Impruneta. I punti salienti includono manoscritti miniati e argenti attribuiti a Lorenzo Ghiberti, che ha gettato le “Porte del Paradiso” sul Battistero di Firenze.

Il peposo era originariamente fatto da artigiani della terracotta, che lo cucinavano in un angolo delle loro fornaci di lavoro

Impruneta Terracotta

La terracotta locale – Cotto dell’Impruneta – è fatta da un’argilla porosa ricca di ossido di ferro ed è stata famosa in tutta la Toscana e più lontano almeno dall’11 ° secolo. Piastrelle di terracotta impruneta adornano la famosa cupola del Brunelleschi a Firenze e innumerevoli altre chiese toscane. È anche la scelta preferita per piastrelle per pavimenti e vasi da terrazza per la coltivazione di agrumi nani.

I workshop generalmente accolgono i visitatori. Rinomati artigiani locali sono M.I.T.A.L. Mariani (www.terrecottemital.it) e Fornace Masini (www.fornacemasini.it).

Cosa mangiare di tipico

Peposo dell’ Impruneta è un alimento base di qualsiasi menù “tradizionale toscano”. In origine questo sostanzioso stufato era fatto da artigiani della terracotta, che lo cucinavano in un angolo delle loro fornaci di lavoro, dando al piatto il suo nome alternativo: peposo alla fornacina.

È relativamente semplice da preparare. La bistecca di manzo viene cotta fino a cadere a pezzi e la sua salsa di vino Chianti, aglio e pepe in grani diventa viscosa e setosa. Il piatto è solitamente servito con un pezzo di pane rustico.

Leggi anche: Dove mangiare a Firenze: Posti economici

Le colline intorno a Impruneta sono punteggiate da piccole aziende incastonate tra gli uliveti, dove le case di spremitura spremano il frutto per produrre alcuni dei migliori oli d’oliva della Toscana. Ricco di fenoli, l’olio extra vergine di Impruneta viene prodotto subito dopo la raccolta, in ottobre e novembre.

Il vino rosso locale fa parte della zona di uva Chianti Colli Fiorentini DOCG. A base di uva Sangiovese, è un partner infuocato e robusto per una ciotola di peposo.

Appena fuori città

A soli 5 km a nord-ovest di Impruneta, il Florence American Cemetery di Tavarnuzze è l’ultimo luogo di riposo di oltre 4.000 soldati uccisi durante la liberazione dell’Italia durante la seconda guerra mondiale. La maggior parte dei sepolti qui erano membri della Quinta Armata degli Stati Uniti che morirono intorno a Roma nel giugno 1944 o durante pesanti combattimenti nelle montagne dell’Appennino.

La Villa Corsini a Mezzomonte, 4 km a nord della città, era una residenza buondelmontiana, e in seguito di proprietà (e decorata in modo spettacolare) di nobili medicei tra cui Lorenzo il Magnifico.
Ora è un ricevimento di proprietà privata e luogo di nozze con affreschi restaurati del 17 ° secolo.

Festival e Sagre

L’autunno è la stagione delle feste a Impruneta. La Festa dell’Uva di settembre è in corso dal 1920. Ci sono carri allegorici e arti popolari a tema uva e cene comuni all’aperto in Piazza Buondelmonti. E, naturalmente, un sacco di vino rosso della regione del Chianti.

La città è animata dalla Fiera di San Luca, uno dei mercati agricoli più longevi d’Europa. È stato documentato ufficialmente per la prima volta nei primi anni del 1600, ma è certamente molto più antico di quello. In questi giorni l’evento di metà ottobre prevede bancarelle di artigianato e cibo, degustazioni e uno spettacolo pirotecnico, oltre alle tradizionali vendite di bestiame.
La terracotta, ovviamente, è un grosso problema.

La Fiera di San Luca divenne così famosa che fu immortalata nella pittura di Filippo Napoletano (1618; ora a Palazzo Pitti a Firenze); e in un’acquaforte di Jacques Callot (1620; nella Biblioteca Nazionale di Francia, Parigi), realizzata mentre Callot lavorava a Firenze per il duca Cosimo II de’ Medici.

Tre Escursioni da fare nell’Impruneta

  • Firenze: è vicina, facilmente raggiungibile in autobus, bici o auto, e ha abbastanza arte e cultura per tenerti occupato per un anno
  • La campagna del Chianti: per la classica enogastronomia toscana, oltre a panorami infiniti sulle colline e le viti intorno a Greve Radda
  • San Gimignano: un bellissimo viaggio attraverso colline e vigneti ricoperti di cipressi termina in questa città medievale preservata, completa di vicoli nascosti, torri gotiche e affreschi pregiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.