Firenze come non l’hai mai vista: tour particolari e visite meno note al pubblico

Firenze come non l'hai mai vista
  • 6Minuti
  • 1289parole
  • 170visite

In una città come Firenze così ricca di beni culturali, può essere difficile scegliere tra la miriade di attività che richiamano la sua storia rinascimentale.
Quasi tutto nel centro storico è raggiungibile a piedi, un vero gioiello per i viaggiatori qui solo per un breve periodo, anche se abbiamo la sensazione che non abbiano fatto quello che stiamo per condividere con tutti voi oggi.
Invece di acquistare il biglietto generale per visitare da solo i musei del Duomo, potresti optare per partecipare al tour VIP del Duomo per piccoli gruppi con una visita alle terrazze segrete con CiaoFlorence .

Questo tour fornisce un background storico di Santa Maria del Fiore con una visita guidata abbinata all’accesso esclusivo alle terrazze del Duomo . Tieni presente che queste terrazze sono aperte solo su appuntamento privato. Ciò significa che puoi ammirare Firenze da un’antica terrazza alta 32 metri che offre punti di vista che probabilmente non hai mai visto ( o non ha mai visto nessuno).

Visitare le terrazze segrete fa sì che la prenotazione del tour valga la pena già da sè.

Firenze come non l’hai mai vista: visitare le Terrazze del Duomo a Firenze

Per cominciare con una piccola prospettiva da chi a Firenze ci vive, il Duomo affascina quello che la maggior parte delle persone che vivono in centro vede come il vero faro della città. È uno dei più grandi al mondo, un’icona per tutta la Toscana, con una cupola a forma di ciliegia. Questo è visibile da tanti panorami, un faro per chi si perde, come si dice da queste parti “tutte le strade portano al Duomo”.

Il «mistero dei tetti» di Firenze è tutto qui: essi sono, con la Cupola, quasi un «sacramento» che si fa specchio e diffusore della bellezza, della purità e della pace celeste!
(Giorgio La Pira)

Devi pensare a dove si trovava Firenze nella storia quando è stato intrapreso questo grande progetto di costruire la cattedrale. Nel XIII secolo era una città ricca grazie alle corporazioni locali e cercava di mettersi in mostra. A quel tempo la corporazione della lana era nuova e pronta a mostrare le sue abilità. Per questo il governo dell’epoca affidò loro l’incarico di realizzare questa cattedrale.
Immensa per grandezza e forza d’animo, fu iniziata nel 1296 da Arnolfo di Cambio ma in totale la cattedrale impiegò oltre 140 anni per terminarla. La data della consacrazione era il marzo 1436.

Arnolfo non era tipo da fare le cose come sono sempre state fatte, infatti tipicamente il coro viene costruito per primo perché si sapeva che queste chiese impiegavano centinaia di anni per essere ultimate, quindi avevano bisogno di mostrare ai fiorentini che pagavano qualcosa e subito.
Voleva invece partire dall’esterno, nella sua formazione era la scultura e per le porte ha realizzato molte statue importanti. Se guardi la porta principale dall’interno del Duomo, vedi un affresco medievale che fu una delle prime caratteristiche.

Si dice che gli operai festeggiassero con vino Chianti e arance a colazione al completamento di ogni baia!

Una volta dentro noterai che tutto rappresenta un significato importante. Non era diverso l’orologio disegnato da Paolo Uccello , che collaborava con il campanile di Giotto per dare ai locali l’ora del giorno.
Funzionava 24 ore su 24 e al tramonto determinava la chiusura delle porte della città, importante aspetto civile dell’epoca.

La sua grande cupola fu aggiunta più tardi nel 1400 dal maestro architetto Filippo Brunelleschi .
Era l’unica persona in grado di rispondere alla domanda su come riparare l’enorme buco nella cattedrale della città e ha vinto il progetto circondato da una forte concorrenza.
Infastidito dalla perdita di una commissione per le porte del battistero a Lorenzo Ghiberti, questo era il suo momento. In effetti non sorprende che una volta abbia detto “Non condividere le tue invenzioni con molti; condividerli solo con i pochi che comprendono e amano le scienze”.

Se ti stai chiedendo perché non è stato affrontato prima o perché Arnolfo avrebbe lasciato un buco nella cattedrale, sembra che abbia sempre saputo che un giorno sarebbe arrivato qualcuno e avrebbe risolto questo problema anche se non fosse stato lui.
La facciata come la conosciamo oggi non fu completata fino al XIX secolo.

Per visitare correttamente il Duomo, è anche necessario pagare una visita alla cripta, dove si possono vedere resti del 7 ° secolo della chiesa di Santa Reparata.

Rimarrai sorpreso di apprendere che è stato scoperto solo nel 1966 a seguito della grande alluvione di Firenze. Qui è possibile esplorare alcune delle radici antiche della città e lo sguardo sulle tombe imponenti e mosaici ovunque dal 5 ° al 9° secolo, sono incredibili.
La guida vi enuncerà molti dettagli che come visitatore solista o “fai da te”, sicuramente perdereste. In ogni caso, qui si possono vedere le iscrizioni nel pavimento con i nomi che hanno fatto donazioni alla chiesa, naturalmente questo è stato prima che si potesse “taggare su facebook” i collaboratori, quindi in questo modo sono stati immortalati per tutta la vita.

Le terrazze segrete del duomo
terrazze di firenze
terrazze duomo firenze
firenze cosa vedere  firenze card 
terrazze del duomo di firenze
terrazze cupola duomo
terrazze santa maria in fiore

Le terrazze segrete che poche persone vedono

Salendo alle terrazze, bisogna salire una scala ripida e ventosa che rende interessante la passeggiata, destinazione finale? Una stanza di statue conservate. Qui apparirà un’enorme chiave a scheletro che è caratteristica per gli antichi edifici in Italia e che si adatta perfettamente alla vecchia serratura e, in pochi secondi siete fuori, lasciando che la brezza che tira quassù, turbini intorno a voi: siete sulle terrazze più grandi che abbiate mai visto.

Il «mistero dei tetti» di Firenze è tutto qui: essi sono, con la Cupola, quasi un «sacramento» che si fa specchio e diffusore della bellezza, della purità e della pace celeste!
(Giorgio La Pira)

Il panorama da qui è indescrivibile! Ci proviamo? Essenzialmente si ottiene una vista dall’alto dell’architettura stupenda e caratteristica esterna del Duomo e un angolo unico delle strade sottostanti, una passeggiata sui tetti.
Vi mancherà il fiato mentre guardando le persone minuscole dall’alto che si muovono rapidamente su e giù in piazza Duomo.

Quando si tratta di attività uniche che mettono in mostra Santa Maria del Fiore nella più giusta delle circostanze, non c’è un modo migliore di un tour privato che va dalle rovine romane che si trovano sotto alle terrazze che si affacciano sulla piazza sottostante, aperto solo a gruppi privati.
Il fatto è che la maggior parte delle persone sceglie di scalare la cupola, che di per sé è un’esperienza fantastica, ma per molti claustrofobica e affollata. Questa è un’ottima opzione alternativa.
CLICCA QUI

Quando sento che mi prende la depressione, torno a Firenze a guardare la cupola del Brunelleschi: se il genio dell’uomo è arrivato a tanto, allora anche io posso e devo provare a creare, agire, vivere.
(Franco Zeffirelli)

In questo particolare tour, hai la possibilità di vedere sotto un altro punto di vista il magnifico Duomo, unico ed imperdibile senza dover camminare e faticare per le scale della cupola.
Oppure puoi scegliere di salire poi sulla cupola comunque (compreso nel biglietto). La parte migliore è che il biglietto dura 48 ore, il che significa che puoi visitare il battistero, la torre di Giotto, persino il museo senza fretta il giorno successivo.

Firenze come non l’hai mai vista: come prenotare e cosa aspettarsi

Informazioni sul VIP Terrace Tour: Il tour è ogni giorno alle 14:30 e dura due ore. Il costo è di 143€ a persona. È inclusa una guida professionale e autorizzata che fornirà una visita guidata.

Sono inclusi:

  • Pranzo tipico toscano con bevande incluse
  • Biglietti con saltafila per Accademia e Uffizi
  • Auricolari per i gruppi più grandi

Suggerimenti aggiuntivi: mentre entri in chiesa , assicurati di vestirti in modo appropriato e coprirti le spalle, il mio consiglio, indossa pantaloni e assicurati che la tua fotocamera sia completamente carica e il tuo smartphone in modalità silenziosa.
Aspettati di fare un sacco di foto. Io opterei anche per scarpe comode in quanto ci sono una serie di scale da salire (153 in totale).
Porta un po’ di soldi in più per la mancia se hai pagato in anticipo.

comune di firenze  florence  firenzetoday  comune firenze  florence italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.