Dove mangiare la schiacciata e che cos’è

Dove mangiare la schiacciata e che cos'è
  • 3Minuti
  • 506parole
  • 153visite

Schiacciata, cibo tipico toscano: storia, ricetta e dove mangiarla

La schiacciata toscana è un cibo tanto semplice quanto gustoso e versatile. Si può mangiare liscia oppure ripiena, con salumi, salse, formaggi e verdure a piacimento. Si conquista di diritto un posto d’onore nella classifica dello street food. Scopriamo insieme alcune curiosità, come farla in casa e ovviamente dove mangiarla.

*immagine in evidenza presa da blog.giallozafferano

schiacciata schiacciata fiorentina schiacciata alla fiorentina schiacciata con l'uva schiacciata toscana schiacciata di pasqua schiacciata fiorentina ricetta originale schiacciata ricetta schiacciata all'olio schiacciata ripiena schiacciata con l'uva alla fiorentina schiacciata con uva schiacciata all'uva schiacciata all uva schiacciata alla fiorentina ricetta originale
foto presa da scattidigusto.it

Schiacciata toscana, una storia antica

Iniziamo con il dire che ci sono più di 600 modi per indicare questa focaccia, a secondo della zona della Toscana in cui ci troviamo. I più conosciuti, anche al di fuori della regione, rimangono schiacciata toscana, schiacciata all’olio o semplicemente schiaccia. Attenzione però a non confonderla con la schiacciata alla fiorentina, che è un dolce tipico carnevalesco del capoluogo. Essendo simile al pane, si pensa che le origini di questa pietanza risalgano addirittura ai primi insediamenti umani. L’impasto era semplicemente composto da cereali macinati e acqua, dal quale si ricavava una sorta di disco che veniva fatto cuocere su pietre bollenti. Gli Antichi Egizi aggiunsero l’innovazione del lievito e successivamente i Romani il frumento. Con il Medioevo inizia la cottura nei forni e nel Rinascimento nascono le prime schiacciate farcite.

Schiacciata, la ricetta originale

Se volete realizzarla in casa la ricetta è molto semplice da seguire.

Ingredienti per una teglia per 4 persone

  • 500 gr di farina “0”
  • 250 ml di acqua tiepida
  • un cucchiaino di lievito di birra
  • un cucchiaino di sale
  • sale grosso e olio extra vergine q.b.

Procedimento

Impastare in una ciotola farina, lievito di birra sbriciolato e acqua tiepida, aggiungendo l’acqua un po’ per volta. Aggiungere poi anche l’olio e un pizzico di sale e impastare fino a raggiungere un composto compatto. Coprire quindi l’impasto con un panno e lasciarlo riposare almeno un’ora per farlo lievitare. Passato il tempo, oliare una teglia e stendere l’impasto. Lavorarlo quindi con le mani per creare i caratteristici “buchetti”, nei quali inserire i chicchi si sale grosso. Fare lievitare ancora almeno mezz’ora l’impasto, successivamente versare un filo d’olio. Infornare a forno preriscaldato a 200 gradi e far cuocere per circa 20 minuti. Il risultato sarà una focaccia dorata e fragrante. Potete scegliere se mangiarla così com’è o abbinarla a formaggi e salumi.

A Firenze, oltre alla schiacciata alla fiorentina, che è una vera e propria torta, esiste anche la versione della schiacciata dolce con uva fragola. In generale girando per la Toscana troverete tante varianti, da quelle più croccanti e sottili, a quella più morbida. Quel che è certo è che rimane sempre buonissima.

schiacciata schiacciata fiorentina schiacciata alla fiorentina schiacciata con l'uva schiacciata toscana schiacciata di pasqua schiacciata fiorentina ricetta originale schiacciata ricetta schiacciata all'olio schiacciata ripiena schiacciata con l'uva alla fiorentina schiacciata con uva schiacciata all'uva schiacciata all uva schiacciata alla fiorentina ricetta originale
foto presa da dissapore.com

I posti migliori per mangiare la schiacciata toscana

Infine un elenco dei migliori locali e panifici per gustare la schiacciata toscana autentica, divisi per provincia:

  • Arezzo: Panificio Menchetti
  • Firenze: Il Pugi, che ora ha addirittura 3 sedi in città
  • Grosseto: Panificio Galletti
  • Livorno: Forno Saraceno
  • Lucca: Panificio Giusti
  • Massa-Carrara: Panificio Lissana Giuseppe
  • Pisa: Antica Bottega di Pisa
  • Pistoia: Forno La Caverna
  • Prato: Vecchio Forno Tobia
  • Siena: Forno dei Galli

Insomma che amiate la semplicità o gli abbinamenti più particolari, qui c’è n’è realmente per tutti i gusti. Vi è già venuta un po’ fame leggendo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.