Spread the love

A sud del Chianti si trovano le città collinari di Montalcino e Montepulciano e le corrispondenti DOCG del Brunello di Montalcino e del Vino Nobile di Montepulciano.
In particolare a Montalcino, si possono trovare alcune delle tenute più aristocratiche d’Italia, che producono alcuni dei vini più pregiati – e più costosi – del paese.

I migliori esempi di Brunello di Montalcino e Vino Nobile di Montepulciano sono alcuni dei rossi più pregiati della Toscana, ma entrambe le zone hanno anche secondi DOC rossi, Rosso di Montepulciano e Rosso di Montalcino, che sono più leggeri, hanno un periodo di invecchiamento più breve e possono essere rilasciati entro un anno dalla vendemmia.

Montepulciano e Montalcino sono legati soprattutto al vino: ma sono dei borghi caratteristici e c’è molto da vedere.

Montepulciano e Montalcino non solo vino

L’uva principale qui è prugnolo Gentile, il nome locale per il Sangiovese.

I rossi di Montalcino sono Sangiovese in purezza, mentre a Montepulciano è previsto un minimo del 70% di Sangiovese sia per il Vino Nobile che per il Rosso. Le altre uve ammesse sono Canaiolo (fino al 20%), Colorino e Mammolo.
L’aggiunta di altre varietà tende a rendere i vini di Montepulciano un po’ più morbidi e più accessibili quando sono giovani rispetto a quelli di Montalcino.

Negli ultimi 15 anni c’è stato un notevole aumento sia delle piantagioni di Brunello che della produzione totale. Nel 1985 c’erano 810 ettari (ettari) di vigneti, mentre nel 1999 questo era salito a 1.344 ettari. Nel 1986 furono rilasciate 1,34 milioni di bottiglie di Brunello, che nel 1999 erano salite a 4,19 milioni. Nello stesso periodo, la produzione del Rosso di Montalcino è balzata da 1,38 a 2,69 milioni di bottiglie.
Il Brunello è popolare al di fuori dell’Italia, soprattutto negli Stati Uniti, in Svizzera e in Germania, con il 64% esportato.

montepulciano vino  montepulciano toscana  montepulciano terme  montepulciano mercatini di natale  comune di montepulciano  cosa vedere a montepulciano  montepulciano siena  montepulciano italy  montepulciano eventi  dove si trova montepulciano  montepulciano si  cosa vedere a montalcino

Montepulciano cosa vedere

Montepulciano potrebbe non essere così conosciuta come le vicine città toscane di Firenze e Siena, ma vale sicuramente la pena visitarla.
Questa piccola città medievale, arroccata su una collina, è piena di imponenti architetture rinascimentali, negozi e ristoranti a conduzione familiare e alcuni dei migliori vini rossi d’Italia.

In effetti, gli amanti del vino dovrebbero spostare Montepulciano in cima alle loro liste dei desideri in Toscana e trova il tempo per esplorare le cantine sotterranee e assaggiare le varietà più apprezzate della regione.

Esplora Piazza Grande

Situata nel punto più alto di Montepulciano, Piazza Grande è il luogo ideale per iniziare la vostra esplorazione a Montepulciano.
Per secoli, questa piazza è stata il principale luogo di ritrovo per i cittadini della città. Se sei un fan della serie di film twilight, questo posto potrebbe sembrare familiare – è stato presentato in New Moon.

Accomodati in uno dei caffè locali e immergiti nell’atmosfera di questa antica piazza, oppure prenditi un po’ di tempo per esplorare gli edifici e i negozi che circondano la piazza.
Grande incombente è il Palazzo Comunale, o municipio, che ha una sorprendente somiglianza con il Palazzo Vecchio di Firenze.

Costruito nel 14 ° secolo, questo è un luogo ideale per alzarsi in alto per una vista della città e della campagna toscana circostante.

Ammira tre chiese classiche italiane

Situato sulla Piazza Grande si trova il Duomo di Montepulciano, spesso chiamato solo Duomo.
Progettata da Ippolito Scalza, la cattedrale fu costruita tra il 1586 e il 1680 e fu infine consacrata nel 1712.
Il modo in cui la cattedrale appare oggi è molto diverso dal progetto originale, e le parti rimangono ancora incomplete, compresa la facciata.

Il risultato è una chiesa che appare piuttosto austera rispetto alle sue controparti nelle città vicine. Ma i visitatori apprezzeranno alcune delle importanti opere d’arte al suo interno, tra cui l’Assunzione della Vergine di Taddeo di Bartolo e la Madonna del Pilastrodi Sano di Pietro.

La chiesa più antica della città, la Chiesa di Sant’Agostino, fu fondata nel 1285 e restaurata nel 15 ° secolo. Nel corso degli anni sono state apportate ulteriori modifiche. Come la cattedrale, Sant’Agostino ospita molte importanti opere d’arte, tra cui un affresco della Madonna col Bambino di Ambrogio Lorenzetti e la Tentazione di Sant’Antonio di Rutilio Manetti.

La Chiesa della Madonna di San Biagio, conosciuta anche come Tempio di San Biagio, è facilmente riconoscibile per la sua grande cupola.
Costruita tra il 1518 e il 1540, questa chiesa è considerata un capolavoro dell’architettura rinascimentale italiana.
Dal momento che si trova sotto la città, è meglio visitarlo mentre entri o esci da Montepulciano.

Montalcino cosa vedere

Montalcino è una di quelle classiche città collinari italiane che rendono perfetta una pausa rilassante.
Situato nel cuore della Toscana, è vicino alle principali destinazioni come Firenze e Siena, ma ha un tiro tutto suo per i turisti.
La città, come meglio si può descrivere, è nata dall’Abbazia di Sant’Antimo, che è uno dei suoi principali luoghi turistici.
La sua storia, a scacchi di battaglie e guerre periodiche, si è incrociata con leggende italiane – ma oggi, tra la stabilità dell’Italia moderna, si è insediata per diventare una delle località vinicole più venerate del paese.

Gran parte del tuo viaggio qui comporterà lo sguardo al passato travagliato e al prospero presente di Montalcino! Meglio di tutti, quando ti siedi per prendere fiato, sarai circondato da uno splendido scenario.

Ecco le 5 migliori cose da fare a Montalcino, per sfruttare al meglio il tuo viaggio.

montepulciano vino  montepulciano toscana  montepulciano terme  montepulciano mercatini di natale  comune di montepulciano  cosa vedere a montepulciano  montepulciano siena  montepulciano italy  montepulciano eventi  dove si trova montepulciano  montepulciano si  cosa vedere a montalcino

1. Guarda dove tutto è iniziato all’Abbazia di Sant’Antimo

Si ritiene che abbia preso il nome dal santo Anthimus, questa abbazia fu costruita qualche tempo prima dell’anno 814. Non è chiaro esattamente quando, ma i documenti storici lo mostrano come esistente allora. Da quel momento in poi, una città è cresciuta intorno all’abbazia.

Ora, è una delle più antiche abbazie funzionanti d’Italia e uno spettacolo che vale la pena vedere. A breve distanza in auto da Montalcino stessa, l’abbazia suona i suoni del canto gregoriano – un residuo di una precedente visita di monaci francesi, e i visitatori possono esplorare la chiesa in orari prestabiliti.

2. Trova la vera storia e il vino a Palazzo Pieri

Il Palazzo Pieri, un ex alloggio reale, ha anche una storia non monarchica al suo nome. Durante la guerra d’Italia, tra il 1555 e il 1559, qui soggiornò la guarnigione francese, inviata dall’imperatore francese Enrico II.
Il loro compito era quello di fornire supporto alle forze native della regione contro le forze dell’imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V.

Oggi è un luogo turistico popolare e una scena per un mercato del vino molto apprezzato.

3. Guarda le meraviglie del Castello di Bibbiano

Quando si visita una città storica, generalmente ci si può aspettare di trovare almeno un castello, e a Montalcino, il miglior esempio è il Castello di Bibbiano.

Situato vicino a Buonconvento, questa fortificazione fu costruita nel 9 ° secolo e si erge ancora forte e impressionante, oggi. Fu detenuta da due delle più prestigiose famiglie senesi, prima i Guiglieschi e poi i Cacciaconti, prima di passare in proprietà dell’allora cardinale Raffaello Petrucci.

Dall’anno 850, ha subito alcuni lavori di ristrutturazione, ma la maggior parte del castello originale rimane.

4. Trova l’arte sacra al Museo Civico e Diocesano

Come per la maggior parte delle antiche città italiane, c’è un forte legame tra Montalcino e la sua storia religiosa. Questo si vede meglio in questo museo diocesano, che presenta alcune opere d’arte molto importanti, tra cui un trittico di Duccio.

Il museo è curato sul sito dell’ex convento della vicina Chiesa dei Sant’Agostino.

5. Un’esperienza enologico più intima al Ciacci Piccolomini d’Aragona

Gli appassionati di vino potrebbero preferire, tuttavia, mantenere le cose semplici e visitare solo uno dei tanti vigneti della regione, e, per un prezzo più basso a soli 12 euro o 14 euro, è possibile visitare i Ciacci Piccolomini d’Aragona. Questo è uno dei migliori esempi di vigneto che coltiva l’uva Brunello, e ci sono tour ogni giorno, con degustazioni. 

montepulciano e montalcino montalcino e montepulciano
Chiesa di San Biagio Montepulciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *